Politica Estera

Lotta al Terrorismo: Il Regno riafferma il suo impegno nel contrasto al finanziamento del terrorismo

Riyadh, 13 febbraio 2019

L'Arabia Saudita prende nota con rammarico della nuova lista di paesi "ad alto rischio" sul riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo, proposta dalla Commissione Europea il ​​13 febbraio 2019, che include l'Arabia Saudita nonostante le diverse misure di rafforzamento adottate nel quadro normativo del paese, che hanno portato a una maggiore cooperazione con le controparti.

Il Regno ribadisce il suo forte impegno nella lotta contro il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo, un impegno che condivide con i suoi partner e alleati internazionali.

L'Arabia Saudita - membro della Global Coalition to Defeat ISIS e co-presidente, con Stati Uniti e Italia, del ISIL Counter-Financing Work Group (GCFI/ICFG) ha adottato, nel corso degli anni, importanti leggi e procedure con l'obiettivo di combattere il riciclaggio di denaro, finanziamento del terrorismo e mitigazione dei rischi associati.

Inoltre, il Rapporto di Mutua Valutazione sull'Arabia Saudita, pubblicato dal Gruppo di Azione Finanziaria (GAFI/FAFT) nel settembre 2018, ha elogiato l'Arabia Saudita sul livello della sua conformità tecnica alle raccomandazioni del GAFI. Il rapporto del GAFI mostra che le misure preventive contro il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo del Regno sono solide e ben stabilite. Il Regno ha inoltre stabilito un quadro giuridico e un processo di coordinamento per attuare velocemente le sanzioni finanziarie dell'ONU mirate al terrorismo.

Il Ministro delle Finanze, Mohammed Al-Jadaan, ha dichiarato: "L'impegno dell'Arabia Saudita per combattere il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo è una priorità strategica per il Regno e continueremo a sviluppare e migliorare il nostro quadro normativo per raggiungere questo obiettivo."

Al-Jadaan ha invitato i funzionari della Commissione Europea e i membri del Parlamento Europeo a visitare Riad e osservare i continui sforzi e iniziative prese dal Regno a livello locale, regionale e internazionale. L'Arabia Saudita continuerà a comunicare con la Commissione e spera in un prossimo dialogo costruttivo con i suoi partner nell'Unione Europea per contribuire a rafforzare e sostenere i mezzi per contrastare il riciclaggio di denaro e terrorismo a livello internazionale e regionale.

 

Fonte: https://www.spa.gov.sa/viewfullstory.php?lang=en&newsid=1885552#1885552

-----

EN

Riyadh, February 13, 2019 - Saudi Arabia notes with regret the European Commission proposed revised list of "high risk" countries on money laundering and the financing of terrorism released on 13th February, 2019 that includes Saudi Arabia despite several measures of reinforcement of its legal framework, which has led to increased cooperation with its counterparts.

The Kingdom reaffirms that it is strongly committed to the common fight against money laundering and terrorism financing, a commitment that it shares with its international partners and allies.
Saudi Arabia - a member of the Global Coalition To Defeat ISIS and co-chair, with United States and Italy, of the ISIL Counter-Financing Work Group (ICFG) has implemented over the years important laws and procedures with the aim of fighting Money Laundering and Terrorism Financing and mitigating associated risks.
In addition, the Mutual Evaluation Report on Saudi Arabia, published by the Financial Action Task Force (FATF) in September 2018, commended Saudi Arabia on the level of its technical compliance with the FATF's recommendations. The FATF report shows that the Kingdom’s anti-Money Laundering and Combating the Financing of Terrorism (AML/CFT) preventive measures are strong and well established. The Kingdom has furthermore an established legal framework and co-ordination process for implementing UN targeted financial sanctions on terrorism without delay.


The Minister of Finance, H.E Mohammed Al-Jadaan said, "Saudi Arabia’s commitment to fighting money laundering and terrorism financing is a strategic priority for the Kingdom. We will continue to develop and enhance our regulatory framework to achieve this goal. We note the proposed revised list is subject to approval of both the European Parliament and Council of Ministers”. Al-Jadaan called on the European Commission officials and members of the European Parliament to visit Riyadh and observe the continuous efforts and initiatives taken by the Kingdom at the local, regional and international levels in the fight against terrorism-financing, and money laundering. Saudi Arabia will continue to communicate with the Commission and looks forward to a constructive dialogue with its partners in the European Union to contribute to strengthening and supporting the means of countering money laundering and terrorism at the international and regional levels.

https://www.spa.gov.sa/viewfullstory.php?lang=en&newsid=1885552#1885552

 

Archivio Politica Estera