martedì
10 Dhu al-Hijjah 1439 - 21 agosto 2018

Dimensione dei caratteri

Reale Ambasciata dell'Arabia Saudita - Roma

News dal paese

Kingdom of Saudi Arabia's Statement on the United States Withdrawal from the JCPOA mercoledì 9 maggio 2018

Kingdom of Saudi Arabia's Statement on the United States Withdrawal from the JCPOA

Il Regno dell'Arabia Saudita sostiene e accoglie con favore i passi annunciati dal Presidente Donald Trump sul ritiro degli Stati Uniti dall'accordo nucleare iraniano. Il Regno sostiene anche il ripristino delle sanzioni economiche sul regime iraniano, che sono state sospese nell'ambito dell'accordo nucleare. Il precedente sostegno dell’Arabia Saudita per l'accordo nucleare concluso dall'Iran e dal gruppo di paesi P5 + 1 era basato sulla convinzione del Regno circa la necessità di prendere tutte le misure possibili per contribuire alla non proliferazione delle armi di distruzione di massa in Medio Oriente e nel mondo. Il regime iraniano, tuttavia, ha approfittato dei benefici economici derivanti dalla revoca delle sanzioni e li ha utilizzati per continuare le sue attività destabilizzanti nella regione, specialmente sviluppando i suoi missili balistici e sostenendo le organizzazioni terroristiche nella regione, compresi  Hezbollah e le milizie Houthi, che ha sfruttato le capacità fornite dall'Iran per colpire i civili nel Regno dell'Arabia Saudita e nello Yemen, oltre a colpire ripetutamente le rotte marittime internazionali con una palese violazione delle risoluzioni del Consiglio di Sicurezza dell'ONU. Il Regno ribadisce il proprio sostegno alla strategia precedentemente annunciata dal Presidente Trump nei confronti dell'Iran, e spera che la comunità internazionale assuma una posizione ferma e unitaria contro il regime iraniano e la sua destabilizzante aggressione nella regione, contro il suo sostegno ai gruppi terroristici,   in particolare Hezbollah e le milizie degli Houthi,  e al regime di Assad - che ha commesso crimini atroci contro il suo popolo, portando alla morte di oltre mezzo milione di civili, anche attraverso l'uso di armi chimiche. Sulla base di questa posizione, il Regno afferma il suo impegno a lavorare con i suoi partner negli Stati Uniti e nella comunità internazionale per raggiungere gli obiettivi annunciati dal Presidente Trump e ribadisce la necessità di affrontare le politiche dell’Iran che mettono in pericolo la pace e la sicurezza internazionale attraverso un approccio olistico, che non si limiti solo al suo programma nucleare, ma che affronti le sue attività ostili, comprese l'ingerenza dell’Iran negli affari interni dei paesi della regione e il suo sostegno al terrorismo, impedendo che l'Iran entri in possesso di armi distruzione di massa.

 

The Kingdom of Saudi Arabia supports and welcomes the steps announced by President Donald Trump regarding the United States’ withdrawal from the Iran nuclear deal. The Kingdom also supports reinstating economic sanctions on the Iranian regime, which have been suspended under the nuclear deal.
The Kingdom’s previous support for the nuclear deal concluded by Iran and the P5+1 group of countries was based on Saudi Arabia’s conviction in the need to take all possible steps that may assist in nonproliferation of weapons of mass destruction in the Middle East and the world. The Iranian regime however, took advantage of the economic benefits afforded by the lifting of sanctions and used them to continue its destabilizing activities in the region, especially by developing its ballistic missiles and supporting terrorist organizations in the region, including Hizbollah and the Houthi militias, which used the capabilities provided by Iran to target civilians in the Kingdom of Saudi Arabia and Yemen, as well as, repeatedly targeting international shipping lanes in a blatant violation of UN Security Council resolutions.
The Kingdom reaffirms its support of the strategy previously announced by President Trump towards Iran, and hopes the international community will take a firm and unified stance against the Iranian regime, and its destabilizing aggression in the region, its support to terrorist groups, particularly Hizbollah and the Houthis militias, and its support of the Assad regime-who has committed heinous crimes against its people that led to the death of more than half a million civilians, including through the use of chemical weapons.
Based on this position, the Kingdom asserts its commitment to work with its partners in the United States and the international community to reach the goals announced by President Trump, and the necessity to address the dangers posed by the policies of Iran on international peace and security through a holistic approach, that is not limited to its nuclear program, but addresses its hostile activities, including Iran's interference in the internal affairs of countries in the region, its support of terrorism, and to prevent Iran from ever possessing weapons of mass destruction.