Arabia Saudita Storia e visione per il futuro

STORIA E VISIONE PER IL FUTURO

La storia del Regno dell’Arabia Saudita ha origine nelle più antiche civiltà della penisola arabica, di cui il Regno occupa i due terzi del territorio. Nell'epoca pre-islamica, l'attuale territorio del Regno era già crocevia di importanti rotte commerciali. Nel VII secolo divenne la terra di rivelazione della religione islamica e centro dell'impero islamico. L'impero islamico prosperò nel XVIII secolo, quando si disgregò in piccoli regni islamici. La Penisola araba entrò gradualmente in un periodo di relativo isolamento, anche se le città sacre di Mecca e Medina rimasero il cuore spirituale del mondo islamico e continuarono ad attrarre pellegrini da molti paesi.

La storia del moderno Regno dell'Arabia Saudita è legata alla dinastia degli Al Saud. Nel 1744 fu fondato il primo stato saudita e furono gettate le fondamenta dell'odierna Arabia Saudita.

1. IL PRIMO STATO SAUDITA

1. IL PRIMO STATO SAUDITA

1744 - 1818

Il primo Stato Saudita fu fondato nel 1744 nella cittadella di Diriyah, dall'alleanza tra il principe Muhammad bin Saud e Muhammad ibn Abd Al-Wahhab, che mirava a sostenere un ritorno all’Islam delle origini. 

Nel 1788, lo stato saudita governava l'intero altopiano centrale della penisola arabica, conosciuto come il Najd. All'inizio del 1800, il suo dominio si estese alla maggior parte della penisola arabica, includendo le città di Mecca e Medina. La popolarità e il successo espansionistico degli Al Saud destarono la preoccupazione dell'Impero Ottomano. Nel 1818, l'esercito ottomano assediò la cittadella di Diriyah, livellò la città con i cannoni e la rese inabitabile, rovinando i pozzi e sradicando le palme da datteri.

2. IL SECONDO STATO SAUDITA

2. IL SECONDO STATO SAUDITA

1818 - 1891

Nel 1824, la famiglia Al Saud aveva riacquistato il controllo politico dell'Arabia centrale. Il sovrano saudita Turki bin Abdullah trasferì la capitale a Riad e fondò il secondo Stato Saudita. Durante i suoi 11 anni di governo, Turki riuscì a riconquistare una parte delle terre prese dagli ottomani. Il secondo Stato Saudita ha goduto di un periodo di pace, prosperità fino al 1865, quando gli eserciti ottomani sostennero la tribù degli Al Rashid per rovesciare lo stato degli Al Saud. Il sovrano Abdulrahman Al Saud fu costretto a deporre le armi nel 1891 e a trasferirsi nel Kuwait con la propria famiglia, dove rimasero fino al 1902. Con lui viaggiava anche suo figlio Abdulaziz, che sarebbe poi diventato il fondatore della moderna Arabia Saudita.

3. IL MODERNO STATO SAUDITA

3. IL MODERNO STATO SAUDITA

1902 - presente

Nel 1902, Abdulaziz Al Saud, accompagnato da 40 seguaci, organizzò un'audace marcia notturna verso Riad per conquistare la Fortezza Masmak e riprendere il controllo della città. Questo evento leggendario segna l'inizio del processo di unificazione del moderno Stato saudita.

Dopo aver stabilito a Riad il potere centrale, tra il 1924 e il 1925, Abdulaziz prese il controllo dell’intera area dell’Hijaz, e quindi anche delle città di  Mecca e Medina. Dopo anni di lotte per la sua unificazione, il 23 settembre 1932 il paese fu proclamato Regno dell'Arabia Saudita, uno stato islamico con l'arabo come lingua nazionale e il Sacro Corano come sua costituzione.

LA NOSTRA VISIONE PER IL FUTURO

LA NOSTRA VISIONE PER IL FUTURO

Dalla riunificazione del 1932, l'Arabia Saudita ha subito una modernizzazione e uno sviluppo consistenti. Ogni generazione ha costruito sui progressi compiuti dalla generazione precedente, facendo leva sulle risorse naturali del Regno e migliorando la qualità di vita dei propri cittadini. Tutti gli indicatori dello sviluppo umano hanno registrato un impressionante incremento nell'arco di una singola generazione. 

Tuttavia, ogni nuova generazione porta nuove sfide e opportunità. Si stima che oggi la metà della popolazione dell'Arabia Saudita abbia meno di 25 anni. Per venire incontro alle esigenze presenti e future del paese, nel 2016 il governo ha avviato un ambizioso piano di sviluppo socio-economico, denominato Saudi Vision 2030. Il piano punta ad innalzare la qualità della vita nel paese e gettare le basi per un sistema economico diversificato, indipendente dalle entrate petrolifere.

Per un approfondimento sulla Saudi Vision 2030, visitare la pagina VISION 2030