mercoledì
30 Rabi' al-thani 1439 - 17 gennaio 2018

Dimensione dei caratteri

Reale Ambasciata dell'Arabia Saudita - Roma

Informazioni sul Paese L'Islam Il Custode dei Luoghi Sacri

L'Islam

Il Custode dei Luoghi Sacri

I due santuari dell'Islam, Makkah, che significa la Benedetta, e Medina, la Radiosa, in Arabia Saudita e la Moschea di Al-Aqsa a Gerusalemme, che racchiude il luogo in cui il Profeta Muhammad ascese in cielo, completano la triade dei templi venerati nel mondo islamico.

Per l'Arabia Saudita avere cura di Makkah, luogo di nascita dell'Islam e del Profeta Muhammad, e di Medina, dove quest'ultimo è sepolto, costituisce un dovere Sacro che adempie per conto di tutti i musulmani.

La vitale e profonda tradizione storica testimoniata da questi luoghi si perpetua nella persona di Re Salman Bin Abdul Aziz, che riveste l'alta responsabilità di Custode delle due Sacre Moschee.

La dedizione dell'Arabia Saudita all'Islam è sempre stata assoluta ed è dimostrata dall'impegno profuso nella gestione e l'ampliamento dei luoghi Sacri, che consentono ad un numero sempre maggiore di pellegrini musulmani di compiere l'Hajj. Ogni anno un apposito stanziamento viene destinato esclusivamente per tale scopo.

Il Ministero del Pellegrinaggio, insieme ad altri enti governativi, sovrintende al gravoso impegno logistico di preparazione dell'Hajj. Il dicastero sostiene inoltre i progetti nazionali e internazionali per la promozione del ruolo dell'Islam nella comunità mondiale.

Fin dal tempo di Re Abdul Aziz i sovrani sauditi hanno dato vita ad iniziative mirate a migliorare la qualità degli alloggi, l'assistenza sanitaria e gli altri servizi necessari ai pellegrini. L'ampliamento della Sacra Moschea di Makkah e della Moschea del Profeta a Medina rappresentano i risultati tangibili di una politica che si rinnova ad ogni generazione.

All'epoca dell'unificazione dell'Arabia Saudita, nel 1932, la Moschea del Profeta poteva accogliere diciassettemila fedeli e la Sacra Moschea quarantottomila. Una serie di progressivi ampliamenti protrattisi sino ai giorni nostri ha accresciuto la ricettività dei due luoghi di culto, rispettivamente, a cinquecentomila e a più di un milione di fedeli, per consentire ai pellegrini di svolgere il loro precetto religioso con tranquillità e sicurezza. L'Hajj e' ripreso dalla televisione saudita e trasmesso in tutto il mondo.

Per rendere più efficiente il servizio di accoglienza dei pellegrirni, Re Fahd ha sostituito, nel 1993, il Ministero del Pellegrinaggio e delle Sovvenzioni con due organizzazioni separate: il Ministero del Pellegrinaggio, che si occupa esclusivamente dell'Hajj, ed il Ministero degli Affari Islamici (www.islam.org.sa), delle Sovvenzioni, della Convocazione e della Guida.

Le notevoli risorse finanziarie ed umane che l'Arabia Saudita ha impegnato e impegna per favorire l'Hajj testimoniano la dedizione dei governanti e dei cittadini del Regno nel servire l'Islam e nel conservare i Luoghi Sacri come rifugio di pace per tutti i musulmani. A livello internazionale, il Regno ha contribuito ad erigere, nei vari continenti, più di 210 Centri Islamici e Culturali. Lo scopo fondamentale di questo impegno è sintetizzato nelle parole del medesimo Custode delle Due Sacre Moschee, Re Fahd Bin Abdul Aziz "Con l'aiuto di Dio, continueremo ad assolvere questo grande compito, attenendoci saldamente al nostro credo islamico e seguendo i suoi insegnamenti. Faremo ogni sforzo per rinsaldare i nostri rapporti con i nostri fratelli nei paesi musulmani ed arabi e faremo del nostro meglio per la nazione musulmana".