giovedì
10 Muharram 1440 - 20 settembre 2018

Dimensione dei caratteri

Reale Ambasciata dell'Arabia Saudita - Roma

Informazioni sul Paese Il Paese L'istruzione

L'istruzione

Quando nel 1932 fu fondato il Regno dell'Arabia Saudita, non tutti avevano la possibilità di accedere all'istruzione. Il Paese contava poche scuole religiose annesse alle Moschee delle grandi città; vi si imparava la legge islamica e veniva insegnato a leggere e scrivere.

Accanto allo studio dell'Islam, che rimane la base fondamentale, il moderno sistema scolastico saudita garantisce un buon livello di preparazione nei diversi campi delle arti e delle scienze, sia moderne che tradizionali.

 Il Regno dell'Arabia Saudita nell'era del Custode delle Due Sante Moschee, Re Abdullah bin Abdulaziz Al Saud, ha raggiunto grandi risultati sul piano della diffusione e della varietàdell’istruzione.

In questo periodo è stata fortemente implementata l’offerta didattica, valorizzando l’istruzione in ogni campo ed esaltando l’importanza della diffusione della cultura nell’ottica della crescita economica e del progresso della Nazione. Il Re ha sempre avuto a cuore il progresso intellettuale e la preparazione del Suo popolo e ne ha quindi fatto una delle priorità di tutta la sua azione ed ha quindi profuso ogni sforzo per promuoverlo e sostenerlo. Grazie a Lui, Dio lo benedica, nel Regno è stata attribuita un’ importanza inedita all’istruzione, tanto da costituire la cifra fondamentale della sua politica.

La Sua visione lungimirante si è concretizzata nel Regio Decreto inerente l’istruzione, che pone le basi affinché gli studenti sauditi godano di una solida base scientifica, dell'espansione delle scienze elettroniche e affinché gli atenei del Regno possano entrare nella rete globale delle università internazionali, portando il proprio contributo e traendo vantaggio dagli scambi accademici. Grazie al Regio Decreto, le borse di studio per gli studi superiori fuori dal Regno hanno potuto aiutare ben cinquantamila tra studenti e studentesse, mentre il numero delle università è quintuplicato, coprendo tutte le regioni del Paese.

La visione del Re si è quindi concretizzata ed è stata messa in pratica attraverso l’applicazione del decreto, con evidenti effetti sull'istruzione superiore, che ha visto l'aumento delle specializzazioni scientifiche e ingegnieristiche disponibili, apprezzabile in particolare con l'ampliamento in campi come la medicina, la farmacia, le scienze informatiche e l'amministrazione d’impresa, cioè nei settori in cui c’è maggior richiesta da parte del mercato del lavoro e che sono particolarmente sensibili per lo sviluppo del Regno.